Qual è la differenza tra il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2?

Differenza tra il diabete di tipo 1 e di tipo 2

Qual è la differenza tra il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2?

Impara a conoscere il tuo diabete!

Il diabete è una patologia che può colpire a tutte le età, seppur in modalità differenti che possono cambiare per ciascun paziente. Riconoscere le cause è il primo passo per combatterlo in modo efficace e per imparare a conviverci.

Oggi vogliamo aiutarti a distinguere in particolare due tipologie di diabete: quello di tipo 1 e quello di tipo 2. Entrambi presentano un fattore comune: l’eccesso di glucosio nel sangue (iperglicemia).

Ma come fare a distinguerli e quali sono le cause e le terapie più indicate? Ecco una breve guida per fare un po’ di chiarezza sull’argomento!

Diabete: cosa c’è da sapere?

Come ben saprai, il diabete è una patologia caratterizzata da alterazioni metaboliche che impediscono il normale assorbimento dei livelli di glucosio. A causa di queste alterazioni, gli zuccheri nel sangue superano i valori di glicemia considerati normali, provocando conseguenze spesso gravi se gestite nel modo sbagliato.

In un soggetto sano, il glucosio in eccesso viene eliminato attraverso le urine. Quando questo non accade, possono verificarsi complicazioni serie al cuore, ai nervi periferici, ai reni e agli occhi. Ecco perchè è importante intervenire fin dalla comparsa dei primi sintomi.

Ma veniamo al dunque, quali sono le differenze tra le due tipologie di diabete?

Diabete di tipo 1: CAUSE, SINTOMI E RIMEDI

Il diabete di tipo 1 può manifestarsi a qualsiasi età, con una maggiore frequenza tra i bambini in età prescolare e gli adolescenti nella fase della pubertà.

Il suo esordio è rapido, brusco e varia in base alla stagionalità e all’area geografica. Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmunitaria e quindi è l’organismo che distrugge una parte delle sue stesse cellule.

Le cause non sono ancora chiare. Molti esperti ritengono che possano esserci legami con:

  • Virus
  • Alimentazione del neonato
  • Esposizione solare

Questi elementi sono in grado di scatenare reazioni autoimmuni nei soggetti che sono già geneticamente predisposti.

I primi segnali del diabete di tipo 1 sono la sete e la necessità di fare pipì che, nei pazienti diabetici soprattutto ai primi stadi della malattia, supera i limiti ritenuti normali. Un altro sintomo che può lasciar presagire la presenza del diabete è il dimagrimento improvviso, senza altre cause apparenti.

Il nostro consiglio è quello di consultare il medico fin dalla comparsa dei primi sintomi. È importante intervenire quanto prima e trattare la malattia in modo adeguato per evitare complicazioni rischiose come la chetoacidosi diabetica (DKA). Questa patologia, nella fase più grave, può portare a edema celebrale con conseguenze neurologiche importanti.

La terapia consiste nel controllo della glicemia, con iniezioni quotidiane di insulina e prestando attenzione alla quantità di carboidrati assunti.

Diabete di tipo 2: cause, sintomi e rimedi

Questa particolare tipologia di diabete è quella più frequente e si manifesta prevalentemente nell’età adulta. La possibilità di manifestare il diabete di tipo 2 aumenta con l’aumentare dell’età e con una maggiore incidenza nelle donne. A differenza di quello di tipo 1, insorge in modo lento e progressivo tanto che spesso, passa molto tempo da quando il paziente capisce che qualcosa nel suo organismo non funziona correttamente.

Le cause si ricollegano in particolare a fattori come:

  • Sovrappeso e obesità;
  • Dieta poco equilibrata;
  • Vita sedentaria;
  • Ipertensione;
  • Valori alti di colesterolo e trigliceridi nel sangue;
  • Familiarità.

Per diagnosticare il diabete di tipo 2 esistono diversi esami che permettono al medico di studiare una terapia ad hoc per tenere sotto controllo i valori di glucosio. I test più indicati sono: l’esame della glicemia a digiuno, il test orale di tolleranza al glucosio e la glicemia plasmatica.

Prodotti utili per il controllo glicemico

In commercio esistono numerose soluzioni utili per tenere sempre sotto controllo il valore glicemico nell’organismo. Anche in questo caso è necessario fare delle distinzioni in base alle due tipologie di diabete poichè le modalità per il trattamento possono essere differenti per ciascuna patologia.

Il kit per i pazienti con diabete di tipo uno si compone di: siringhe usa e getta, penne per l’iniezione di insulina e microinfusori che erogano una quantità costante di insulina nelle 24 ore.

Per essere sicuro del dosaggio di insulina ti suggeriamo di utilizzare uno strumento che ti permette di ridurre al minimo gli errori manuali. Si tratta del sistema Contour Next Glucometro, dotato di numerose funzionalità che si adattano in base alle tue esigenze.

Contour Next Glucometro

I pazienti che soffrono di diabete di tipo 2 possono controllare in modo più saltuario, in genere è sufficiente farlo una o due volte al giorno. Il controllo si fa più frequente nei casi in cui si renda necessario aggiustare la terapia.

Uno strumento utile in questi casi è il sistema FreeStyle Optium Neo, semplice da utilizzare e indispensabile per rilevare i livelli di glucosio nel sangue.

Freestyle Optium Neo

Hai trovato il prodotto che cercavi? Sei curioso di scopri le soluzioni più innovative per tenere sotto controllo il diabete? Allora visita la pagina del nostra farmacia online: trova gli strumenti per diabetici più giusti per te!