Come combattere la stanchezza mentale

Stanchezza mentale

Come combattere la stanchezza mentale

Ti è mai capitato di avvertire una stanchezza mentale dopo un lavoro intenso, che ti ha richiesto una forte concentrazione? Può capitare a tutti di provare questa particolare sensazione, molto simile a una stanchezza fisica con l’unica differenza che a volte, non basta una bella dormita per recuperare una perfetta forma smagliante.

La stanchezza mentale ha due forti alleati: lo stress e l’emotività. Ed è proprio per questo che per riuscire a combatterla c’è bisogno di più tempo rispetto alla stanchezza che colpisce spesso il nostro fisico.

Ma niente paura, siamo qui proprio per aiutarti a comprendere le principali cause, i sintomi e svelarti qualche rimedio per combattere la stanchezza mentale in modo efficace.

Cosa causa la stanchezza mentale?

Come ti abbiamo anticipato, tra le principali cause della stanchezza mentale possiamo evidenziare un eccessivo lavoro della mente. Soprattutto quando si svolge un’attività lavorativa molto intensa, che richiede numerose energie, il nostro corpo e la nostra mente ne risentono mostrando fin da subito specifici sintomi. In questi casi, riuscire a mantenere la concentrazione diventa davvero complesso!

Ma il lavoro eccessivo non è l’unica causa della stanchezza mentale. In linea generale, si riesce sempre a individuare l’evento che ha portato a questa particolare condizione.

Tra le cause troviamo:

  • La mancanza di sonno. Le famose otto ore di sonno, sono indispensabili per ricaricare il corpo e le proprie facoltà mentali. Soprattutto nei pazienti che soffrono di insonnia o di disturbi del sonno, capita spesso di manifestare i sintomi della stanchezza mentale.
  • La poca attività fisica. Lo sport e l’esercizio fisico aumentano la quantità di ossigeno presente nel sangue, aiutando a rilassare i muscoli e favorendo le normali funzionalità dell’organismo. Proprio per questo si consiglia di concedersi spesso durante la giornata delle pause e magari fare una bella passeggiata.
  • Una dieta povera dei nutrienti e minerali necessari per il funzionamento dell’organismo. In particolare, un’alimentazione priva di frutta e verdura può favorire i casi di stanchezza mentale.
  • Bere poca acqua. La disidratazione riduce le funzioni del cervello e di conseguenza, quando si è chiamati a svolgere attività intense, si rischia di non avere le energie necessarie per portare a termine il lavoro.

Anche se le cause della stanchezza mentale sono molto comuni, nella maggior parte dei casi questa condizione si verifica in seguito a un periodo lavorativo stressante. Ciò significa che per vedere comparire i primi sintomi non basta passare una notte insonne. Mentre invece, se i disturbi del sonno si fanno più frequenti, è probabile manifestare i sintomi della stanchezza mentale.

Stanchezza mentale: quali sono i principali sintomi?

La stanchezza mentale non è una patologia vera e propria, anche se i sintomi riscontrati possono far apparire la situazione piuttosto complessa da affrontare. In alcuni casi infatti, è considerata a sua volta un sintomo derivante da differenti condizioni patologiche.

Quali sono dunque i sintomi che permettono di individuare questa condizione? In genere quando si soffre di stanchezza mentale è molto comune manifestare:

  • Mancanza di concentrazione che, soprattutto in ambito lavorativo, potrebbe compromettere la buona riuscita dei propri compiti a causa della scarsa attenzione sulle proprie attività;
  • Difficoltà di apprendimento e quindi una minore capacità a ricordare le cose. Anche in questo caso, sia a lavoro che a scuola, le prestazioni potrebbero essere meno soddisfacenti del previsto;
  • Ridotte prestazioni fisiche, con evidenti segni di stanchezza: sbadigli, sfregamento degli occhi e continua sonnolenza.

Tutti i sintomi hanno a che vedere con le capacità intellettive, di ragionamento e di memoria che non hanno nulla a che vedere con il fisico. Da questo è facile intuire che si tratta di una condizione di malessere del cervello e del sistema nervoso, in seguito a situazioni di stress o di lavoro intenso. Quelle situazioni che ti costringono a fare sempre tutto di corsa, a pranzi veloci, a lunghe ore trascorse davanti allo schermo del pc… ogni fisico reagisce in modo diverso dimostrandosi più o meno resistente a queste particolari condizioni.

La stanchezza mentale si presenta inizialmente con dei vuoti di memoria, che si fanno sempre più frequenti. Diventa sempre più difficile mantenere la concentrazione a lavoro, studiare o eseguire compiti di precisione. La sensazione di non avere abbastanza energie si fa più presente fino a quando, nonostante il riposo notturno e le otto ore di sonno, si avverte un continuo senso di stanchezza.

In questi casi è fondamentale avere a portata di mano dei rimedi utili per combattere la stanchezza mentale!

Rimedi per combattere la stanchezza mentale

La soluzione migliore quando si avvertono i primi sintomi di stanchezza è andare a ricercare le sue cause. Sarà lo stress? Oppure la tua alimentazione è troppo povera di sali minerali e vitamine che forniscono al tuo corpo le giuste energie?

Come sempre, anche in questo caso esistono piante ed erbe che possono aiutarti a ridurre i sintomi in modo efficace. Prima di intraprendere un qualsiasi trattamento, è sempre consigliato rivolgersi al proprio medico di base per valutare insieme la strada più giusta per ritrovare la giusta carica.

Ma quali sono queste erbe miracolose?

  • Il ginseng, ricco di proprietà che alleviano la fatica, aumenta la resistenza alla stanchezza e facilita l’apprendimento;
  • La rhodiola rosea, riduce lo stress, sia a livello fisico che mentale, e migliora le facoltà mentali;
  • Il ginkgo biloba, favorisce le normali funzionalità del cervello, garantendo una maggiore concentrazione.

Se assunte sotto forma di infusi o come integratori alimentari, queste erbe sono in grado di ricaricare le tue energie!

E per prevenire i casi di stanchezza mentale, ti consigliamo di migliorare la tua dieta, cercando di introdurre le sostanze nutrienti utili al tuo organismo per un corretto funzionamento. Inoltre, fare una passeggiata di almeno 30 minuti tutti i giorni è utile per favorire il benessere non solo della mente, ma anche del corpo.

Ti senti pronto a combattere la stanchezza mentale? Vedrai che con i nostri consigli riuscirai a migliorare le tue prestazioni a scuola e a lavoro! 😉