Infezioni delle vie urinarie: come combatterle

Infezioni delle vie urinarie

Infezioni delle vie urinarie: come combatterle

Le infezioni delle vie urinarie sono tra le patologie più diffuse che colpiscono in modo indistinto pazienti di ogni sesso ed età, mostrando una maggiore incidenza nelle donne. Si tratta di infezioni che possono colpire uno o più organi dell’apparato urinario e che spesso si risolvono con una terapia mirata prescritta dal medico specialista.

In altri casi si richiede la collaborazione di più figure professionali che, lavorando sotto diversi aspetti, aiutano il paziente a trovare la strada giusta per la guarigione.

Anche se le donne sono più soggette, per ragioni anatomiche, a riscontrare infezioni batteriche alle vie urinarie, esistono numerose patologie che possono colpire anche l’uomo e i bambini, fin dalla prima infanzia.

Vediamo subito quali sono le principali patologie, come fare a prevenirle e combatterle in modo efficace.

Principali infezioni delle vie urinarie

Rene, uretere, vescica e uretra, sono gli organi dell’apparato urinario più colpiti dalle infiammazioni acute o croniche. Poichè le vie urinarie sono sterili, in genere resistono bene alla colonizzazione di batteri, ma essendo molto frequenti capita spesso che l’accumulo di batteri sia troppo elevato per resistere in modo efficace.

Come detto, anche i neonati sono soggetti a questo genere di infezioni. In questo caso, colpiscono più i maschi delle femmine e in genere sono associate a batteriemia. Questo succede perchè nei bambini sono più comuni le anomalie congenite dell’apparato urinario, rispetto alle bambine. Durante l’adolescenza e poi in età adulta, cresce nelle donne la frequenza di riscontrare questo genere di infezioni, soprattutto in corrispondenza dell’inizio dell’attività sessuale.

Ogni tipologia di infezione presenta differenti sintomi, connessi agli organi colpiti dall’infiammazione. Tra le principali infezioni delle vie urinarie troviamo:

  • La cistite: si presenta in modo improvviso causando un aumento della frequenza della minzione. Questa di solito è associata a dolore, che si manifesta nella zona lombare e ipogastrica, e in alcuni casi possono verificarsi perdite di sangue. È molto importante bere molta acqua e consultare subito il medico per iniziare una cura antibatterica adeguata.
  • L’uretrite: si verifica in modo graduale con sintomi lievi. Nelle donne si manifesta con un aumento della minzione, difficoltà a urinare e con la presenza di materiale purulento. Negli uomini invece, le secrezioni di questo tipo si verificano quando il batterio infettante è N. Gonorrhoeae. In alcuni casi, quando l’infezione è aspecifica, possono presentarsi secrezioni mucoidi biancastre.
  • La prostatite: tra i sintomi principali troviamo brividi, febbre, minzione frequente e dolore perineale e lombare. A questo si aggiunge una sensazione di gonfiore e dolore in corrispondenza della prostata.
  • La pielonefrite: si manifesta rapidamente, con brividi, febbre, e in casi più rari nausea e vomiti. Alcuni pazienti possono riscontrare un’infiammazione alle vie urinarie basse e un rene gonfio e dolorante.

Queste sono le patologie più comuni a carico delle vie urinarie. Ognuna, con la sua complessità, richiede l’intervento tempestivo del medico per essere trattata nel modo più corretto.

Esistono inoltre metodi di prevenzione che permettono di limitare la comparsa delle infezioni e che favoriscono il benessere dell’apparato urinario nel suo complesso.

Come prevenire le infezioni delle vie urinarie

Alla comparsa dei primi sintomi scattano i primi campanelli d’allarme che ci fanno capire che qualcosa non va. Il bisogno di andare in bagno si fa sempre più frequente, a volte la minzione è accompagnata da una sensazione dolorosa e riuscire a svuotare completamente la vescica è quasi impossibile.

Ma come fare a prevenire la comparsa di questi sintomi e mantenere le vie urinare libere da batteri e infiammazioni?

Ecco qualche consiglio per ridurre questo tipo di infezioni:

  • Inizia con una dieta sana ed equilibrata: la prima cosa da fare è introdurre molti liquidi nella tua dieta. Infatti, bere molta acqua durante l’arco della giornata, aiuta a prevenire il ristagno dell’urina nella vescica, limitando la proliferazione dei batteri.
  • Presta maggiore attenzione all’igiene intima: soprattutto nelle donne soggette a questo tipo di infezioni è importante osservare una corretta igiene, con detergenti delicati che rispettano la flora vaginale.

Inoltre, si consiglia di bere alcune tisane particolarmente efficaci per impedire ai batteri di aderire alle pareti del tratto digerente, aiutando a eliminarli più facilmente. In particolare, il succo di mirtilli, ha delle proprietà indicate per mantenere le vie urinarie in perfetta forma.

Cosa fare però quando, nonostante aver osservato tutti i consigli per la prevenzione, le infezioni si presentano ugualmente? Il nostro consiglio è sempre quello di rivolgersi al medico di base. Questo genere di infezioni non si possono sottovalutare e richiedono l’intervento attento di uno specialista che provvederà a somministrare la cura farmacologica giusta per la guarigione.

Combattere le infezioni urinarie con rimedi naturali

Molte patologie trovano una soluzione in rimedi naturali che sfruttano le proprietà di erbe e piante per rendere più forte l’organismo. Anche le infezioni urinarie si possono risolvere con questa tipologia di rimedi naturali, solo quando si tratta di forme lievi e più comuni. Nei casi più gravi e quando si presentano i disturbi in modo cronico è meglio rivolgersi al medico per una diagnosi e una terapia più accurata.

Anche nel caso si decida di utilizzare un rimedio naturale per combattere le infezioni lievi, è sempre meglio consultare il parere di un medico per assicurarsi che sia la scelta più giusta da fare.

Tra i rimedi più efficaci possiamo suggerirti ci sono quelli fitoterapici. Come ben saprai, la fitoterapia è consigliata per aiutare l’organismo a mantenere i suoi naturali equilibri. In particolare l’uva ursi tintura madre e la calluna vulgaris, mostrano particolari benefici sull’intero apparato urinario.

In alternativa possiamo consigliari l’idroterapia, sotto forma di pediluvi con acqua calda, tra i 33 e i 40° C che aiuta a decongestionare gli organi pelvici, genitali e urinari.

Anche gli oli essenziali, come il sandalo e la santoreggia, rendono più forte l’organismo e combattono i batteri che attaccano le vie urinarie.

In ogni caso, ricorda di consultare il tuo medico prima di scegliere un rimedio alternativo. Solo così potrai combattere le infezioni delle vie urinarie e ritrovare il benessere del tuo organismo!