Come scegliere la poltrona anatomica per studio medico

Poltrona da studio medico

Poltrona da studio medico

Quando si lavora per molte ore in ufficio, magari seduti davanti al computer oppure per incontrare dei pazienti in studio medico è fondamentale poter stare comodi e rilassati su una poltrona anatomica.

Sono tanti i medici che a fine giornata lamentano dolori alla cervicale e alle articolazioni della schiena proprio perchè non hanno presso lo studio medico una poltrona anatomica adatta ai propri bisogni.

Esistono poi le poltrone mediche rivolte ai pazienti che devono adattarsi al tipo di visita: una poltrona odontoiatrica, massaggiante e così via.

Vediamo nel dettaglio come scegliere questo tipo di prodotti per uno studio medico.

Tipi di poltrona per medico e tutela della sua salute

Le poltrone per lo studio medico sono rivolte principalmente al medico e al paziente: il primo tipo di seduta permette al professionista di accogliere i propri pazienti e lavorare al computer per ore, nel completo comfort. Deve avere perciò precise caratteristiche che tutelino la struttura ossea, la muscolatura e le articolazioni del corpo.

Ecco le caratteristiche da considerare:

  • La seduta deve permettere alle gambe di stendersi verso il basso e rilassare in modo naturale la zona inferiore della schiena e il bacino.

    Poggia ginocchia

    Poggia ginocchia

  • Alcune sedie anatomiche sono dotate di poggia ginocchia. Questa opzione è consigliata a chi è troppo alto o basso (altezza minore di 1,40 cm o maggiore di 1,80 cm). Inoltre, il poggia ginocchia deve essere regolabile per tutelare la corretta postura.
  • Parliamo poi del poggia schiena: alcuni non ne hanno davvero bisogno, soprattutto i medici sempre impegnati tra visite, compilazione di ricette e altre attività. Tuttavia, se l’uso della sedia supera le 4 ore consecutive al giorno è necessario avere un supporto per la schiena.comodità delle poltrone
  • I braccioli sono presenti in tante sedie per medici, ma costituiscono per lo più un ostacolo e non sono quindi consigliati.

Parliamo ora di alcune qualità che una buona sedia dovrebbe avere:

  • L’altezza della poltrona deve poter essere regolata, oppure esistono anche delle sedie a dondolo che consentono di acquisire in continuazione il proprio equilibrio. Le sedie a dondolo non si possono regolare ma permettono al bacino di non stare troppo fermo.
  • Un altro aspetto importante per le sedute di questo tipo è la comodità. Non deve essere mai troppa perché ne potrebbe subire conseguenze la respirazione. Stando troppo rilassati all’indietro si contrae il collo e si favorisce la cervicale.

Se una seduta scorretta ha causato dolori al collo e alla schiena si può ricorrere ad un massaggio shiatsu: che permette alla muscolatura di decontrarsi e ritrovare il benessere.

Ora parliamo della postura corretta mentre si lavora in ufficio, un argomento caro a molti professionisti!

Postura corretta alla scrivania: prevenire il mal di schiena

Stare alla scrivania per ore in posizione scorretta può provocare diversi problemi di salute: le spalle diventano più fragili, la fascia dorso-lombare diventa dolorante e la cervicale non tarda ad arrivare, poiché si tiene il collo continuamente contratto ed infine aumenta il rischio di emicrania cronica.

Quando parliamo di postura scorretta facciamo riferimento in particolare a diverse cattive posizioni assunte durante le ore di lavoro seduti davanti alla scrivania, magari lavorando al computer. In questa immagine è possibile notare i due tipi di postura:

Postura corretta e postura sbagliata

Postura corretta e postura sbagliata, Fonte: Tag24.it

Uno degli elementi importanti capaci di modificare la postura è lo schienale della sedia. Secondo una recente ricerca, gli impiegati trascorrono davanti alla scrivania più di 12 ore tra casa e ufficio.
Una delle posizioni più pericolose è quella a cucchiaio: bacino che poggia sul centro della seduta, lasciando ampio spazio nella parte posteriore.
Mentre negli adulti una posizione del genere potrebbe causare contratture e dolori cronici alla schiena, nei ragazzi porta ad atteggiamento scorretti che possono influire sulla struttura delle ossa.
Ricordiamo che esistono tante patologie che affiorano andando avanti con l’età: osteoporosi per esempio causa perdita del volume delle ossa, con conseguenti dolori e rigidità.
Perciò pensiamo sia fondamentale curare la propria postura sin da giovani.
Parliamo adesso dei diversi tipi di poltrona medica per pazienti.

Poltrona per lo studio medico: tipologie di sedia per il paziente

La comodità e in confort del paziente durante una visita è un elemento fondamentale capace di alleviare lo stress e la tensione emanata dal camice bianco del medico.

Proprio per questo motivo sono tanti i tipi di poltrona medica che arricchiscono uno studio medico privato o l’ambulatorio: tra i più diffusi troviamo la poltrona odontoiatrica, che si trova nello studio del dentista o la poltrona ginecologica che ha tutta un’altra finalità.

Questi prodotti devono essere di buona fattura e capaci di resistere nel tempo, facilmente lavabili e adattarsi alle esigenze del paziente e del medico.

Sei un medico? Cerchi prodotti di qualità per arredare il tuo studio e visitare i tuoi pazienti al meglio? Nella nostra farmacia puoi trovare tanti articoli professionali adatti alle specializzazioni ed esigenze più diverse.