Come ridurre la glicemia? Con l’olio extra-vergine d’oliva!

Olio extra vergine d'oliva a basso indice glicemico

L’olio extra-vergine d’oliva è un condimento gustoso e genuino, rappresenta uno dei maggiori simboli della dieta mediterranea, riconosciuta in tutto il mondo per le sue proprietà benefiche.

Secondo una recente analisi condotta dall’Università La Sapienza di Roma, la qualità di olio prodotta nel territorio di Viterbo ha un ruolo importante nella prevenzione del diabete. La sua assunzione giornaliera può garantire un effettivo abbassamento della glicemia.

Scopri tutti i dettagli della ricerca e le proprietà dell’olio extravergine di oliva.

Olio extravergine di oliva: un alleato contro il diabete

L’Università La Sapienza di Roma ha pubblicato uno studio su “Nutrition & Diabetes” che dimostrerebbe l’efficacia dell’olio extravergine di oliva per la riduzione della glicemia in chi soffre di diabete.

L’analisi è stata condotta su una qualità particolare di olio, proveniente dalla zona di Viterbo: si tratta dell’olio Evo che con una dose giornaliera di 10 grammi si comporta come un efficace antidiabetico e svolge un’azione simile ai farmaci più innovativi.

La sua azione, infatti, si concentra sulle incretine, ormoni prodotti dall’apparato gastrointestinale che possono ridurre sensibilmente il livello di glicemia nel sangue.

La ricerca, condotta su un campione di pazienti diabetici e non, ha evidenziato come in seguito all’assunzione di olio extravergine di oliva, l’organismo produce una dose maggiore di incretine.

Inoltre, un effetto positivo affiora anche nei soggetti sani dove aumenta l’insulinemia, il termine medico che individua l’aumento di insulina nel sangue.

La ricerca, presentata pochi giorni fa presso l’Ateneo, evidenzia che l’effetto dell’olio agisce in particolare sull’innalzamento della glicemia che si verifica dopo pranzo e che è pericolosa per il sistema cardio-circolatorio.

Ricerca sull’olio extravergine di oliva: i dettagli

La ricerca è stata condotta con metodo cross-over su 25 individui sani che avevano effettuato un pasto a base di prodotti tipici della dieta mediterranea.

I ricercatori hanno confrontato due gruppi: il primo utilizzava 10 grammi di olio di oliva per condire gli alimenti; il secondo gruppo usava olio di semi. Prima e dopo il pasto il profilo glucidico e lipidico dei due campioni era differente: coloro che avevano assunto olio extra vergine di oliva avevano un valore più basso di glicemia e livelli più alti di insulinemia, oltre ad una riduzione del colesterolo.

Lo studio è stato poi ripetuto su un campione di diabetici e i risultati erano altrettanto incoraggianti.

Ora, in base a questa ricerca, verrà messa a punto una terapia basata proprio sull’olio extra-vergine di oliva che offrirà ai pazienti un’alternativa naturale alle cure tradizionali contro il diabete.

L’olio d’oliva potrebbe essere così il protagonista di un nuovo metodo preventivo per il diabete e per l’ipercolesterolemia, in particolare nei pazienti sensibili all’aumento di glicemia post-prandiale.

Livelli troppo alti di glicemia, infatti, possono portare a patologie cardiovascolari come l’arteriosclerosi.

Ecco tutte le proprietà dell’olio extra-vergine di oliva.

Le proprietà dell’olio extra vergine di oliva

La dieta mediterranea prevede l’utilizzo dell’olio extra vergine di oliva come condimento principale.

Quale differenza c’è tra olio extravergine e olio di oliva?

Entrambi sono prodotti dalla spremitura delle olive, tuttavia l’olio extravergine per essere considerato tale deve possedere specifiche proprietà organolettiche come l’odore, il colore o la consistenza.

Si tratta di un olio prodotto da olive di altissima qualità la cui acidità non deve essere superiore a 0,8 gr. per 100 gr.

Si differenzia da altri oli di oliva di qualità inferiore perché prodotti da olive non perfette. Tuttavia, l’olio extravergine al contatto con l’aria perde le sue proprietà benefiche perciò ti consigliamo di acquistarlo in piccole bottiglie e consumarlo in breve tempo.

Questo tipo di olio è caratterizzato da un’alta concentrazione di polifenoli, molecole con proprietà antiossidanti capaci di depurare le cellule da tossicità e contrastare la crescita di radicali liberi influendo positivamente sulla memoria e sulla concentrazione.

Secondo recenti studi, la qualità extravergine può contrastare anche la nascita di cellule tumorali prevenendo il cancro al colon e quello alle ovaie.

Inoltre, si ha una diminuzione del colesterolo cattivo che a contatto con la materia oleosa diviene più fluido liberando le arterie e prevenendo infarti e ictus.

Ecco gli altri benefici dell’olio extravergine di oliva:

  • Potente lassativo: particolarmente utile nei casi di stipsi e stitichezza, poichè effettua la lubrificazione del tratto intestinale.
  • Antinfiammatorio naturale: può contrastare dolori di varia natura e agisce come i più diffusi medicinali da banco
  • Protegge il sistema cardiocircolatorio
  • Agisce sulla fertilità femminile, aumentando le probabilità di una gravidanza grazie alla presenza di Vitamina E
  • Migliora la digestione
  • Potenzia le difese immunitarie

L’olio extravergine di oliva è un potente mix di benefici per l’organismo: utilizzalo quotidianamente nella tua dieta mediterranea, mi raccomando, senza esagerare! 😉