Come curare la piorrea

curare-la-piorrea

La piorrea (conosciuta anche con il nome di parodontite) è una malattia che attacca il tessuto gengivale che sostiene i nostri denti. Non deve essere sottovalutata perché se non si interviene adeguatamente o peggio ancora viene trascurata si può correre addirittura il rischio di perdere i denti. Pur non accusando particolari sintomi o fastidi è consigliabile fare una visita dal dentista almeno una volta l’anno. La piorrea è una malattia ben nascosta e a volte viene diagnosticata solo mediante un esame radiologico. Ricordiamo che anche per le malattie dei denti è fondamentale la prevenzione.

La causa principale della piorrea è l’accumulo della placca batterica e una non corretta igiene dentale. L’accumulo di residui di cibo, infatti, da’ vita a colonie di batteri che erodono l’osso su cui è poggiato il dente, causandone il distacco.

Per scongiurare la comparsa della piorrea alcuni consigli utili possono essere quello di non fumare, bere poco caffè e bevande che contengono elementi che intaccano lo smalto dei denti. Questi consigli potrebbero rivelarsi inutili nei casi in cui si abbia una predisposizione genetica. Tuttavia è una malattia che può essere curata, i tempi di guarigione variano a seconda delle condizioni in cui si si trova.

La miglior cura è la prevenzione: una corretta igiene orale quotidiana è il punto fondamentale ma non è sufficiente. E’ opportuno effettuare una seduta di detartasi dal dentista almeno ogni 6 mesi, se non si riscontrano problematiche.In caso di problemi, invece, non aspettate a lungo prima di visitare il vostro dentista ma andateci subito!

Per pulire bene i denti dopo ogni pasto, invece dello spazzolino manuale, potete utilizzare uno spazzolino elettrico ad alta precisione che consente di rimuovere molta più placca rispetto a quello tradizionale. I medici dentisti inoltre consigliano di passare quotidianamente il filo interdentale per eliminare residui di cibo e prevenire i disturbi gengivali.

Il dentista per la cura della piorrea procederà rimuovendo il tartaro e la placca accumulata sotto le gengive. Esistono nuovi trattamenti ad ultrasuoni che vi faranno sentire meno dolore e sono molto più efficaci dei metodi tradizionali. Con la tecnica della levigatura radicolare si rimuoverà anche il tartaro accumulato nelle tasche parodontali. Dopo quest’accurata pulizia e dopo aver valutato lo stato di avanzamento della malattia e dello stato di salute del paziente si interviene chirurgicamente rigenerando i tessuti e rimodellando l’osso.

Per la cura della piorrea vengono utilizzati anche dei farmaci antibiotici per curare le infezioni gengivali da abbinare ad antibatterici specifici come Doxiciclina e Clorexidina. Ovviamente lo scopo del nostro articolo e quello di dare informazioni ai visitatori su questa malattia. Prima di assumere qualsiasi tipo di farmaco è opportuno consultare il proprio medico.

Sempre più persone hanno deciso di scegliere trattamenti naturali per la cura della piorrea. Ovviamente sono dei validi ausili per velocizzare il processo di guarigione, ma non devono sostituire le cure dentistiche. La piorrea purtroppo è una malattia subdola.

Alcune piante medicinali che aiutano a ripristinare la salute delle gengive sono: avena, betulla, echinacea, equiseto e finocchio, menta. L’olio essenziale alla menta in particolare ripristinerà l’umidità naturale della bocca. I prodotti a base di queste sostanze sono facilmente reperibili.