Come curare la candida: rimedi e sintomi

come-curare-candida

La candidosi, chiamata più comunemente candida, è un’infezione abbastanza comune. In realtà, la candida non è altro che un fungo saprofita già presente in determinate zone del corpo umano (bocca, vagina, pene, intestino, ecc…) ma che, in alcune condizioni, causa una malattia e un’infezione.

Candida: chi colpisce generalmente e quali sono i sintomi?

La candida interessa più di frequente la donna, ma è un’infezione che può colpire tutti, sia uomini che donne, sia adolescenti che adulti. Ma è un problema facilmente risolvibile e curabile. Principalmente colpisce determinate zone del corpo umano, in particolare quelle zone calde e umide e quelle che sono soggette ad umidità e sudorazione.

La candida che si verifica nelle mucose riguarda, oltre alla bocca, anche il cavo orofaringeo e l’intestino. Per quanto riguarda la candidosi nei primi due casi, ovvero bocca e cavo orofaringeo, si manifesta con un arrossamento della mucosa che si ricopre di una patina bianca e non genera dolore. Leggermente più dolorosa è la candida che si manifesta nell’intestino, in quanto causa dolori addominali, gonfiore e diarree.

Ben più dolorosa e fastidiosa è la candidosi vulvovaginale. Questo tipo d’infezione colpisce il 75% delle donne e, generalmente, provoca rossore, prurito, dolore, perdite vaginali di colore bianco e torbide, dolore durante la minzione e, raramente, anche macchie bianche sulla pelle della parete vaginale.

Esiste una cura o una terapia per bloccarla?

Come abbiamo già detto, la candida, seppure in piccole quantità, è già presente all’interno della cavità orale, della vagina, dell’apparato digerente e sulla pelle, senza causare disturbi di alcun genere perché è controllata da alcuni batteri detti “buoni” e da un sano sistema immunitario.

Quando, però, la candida presente nel corpo inizia ad aumentare in maniera inconsueta, ecco che causa un’infezione. Il più delle volte, si è soggetti a questo tipo d’infezione quando si indebolisce il sistema immunitario: dopo un’influenza, una cura antibiotica o cortisonica etc. Inoltre, la candida può aumentare anche con la glicemia alta, quindi i soggetti affetti da diabete non tenuto sotto controllo, sono più a rischio rispetto ad un altro soggetto.

Da non sottovalutare anche gli indumenti, in particolar modo la biancheria intima in quanto potrebbero favorire la comparsa della candida gli abiti troppo stretti o fatti con materiali che intrappolano il calore. Le ragazze sono più soggette alle infezioni da candida nel periodo adolescenziale, subito dopo lo sviluppo. Altri soggetti maggiormente a rischio, sono le donne incinte, ma quest’infezione non compromette in alcun modo la gravidanza.

I sintomi dell’infezione da candida, naturalmente, variano a seconda della zona interessata. Nel caso l’infezione colpisca i genitali si avvertirà principalmente prurito, bruciore, rossore e piccole piaghe. Nel caso si dovessero verificare dei sintomi sopra descritti, è sempre consigliabile contattare il proprio medico di famiglia o un ginecologo, in quanto le terapie possono essere diverse da persona a persona.

Molto utili per la cura di questa infezione sono le creme vaginali, le compresse specifiche o lavande vaginali  che, se utilizzate nelle dosi consigliate, riusciranno a far scomparire nel giro di qualche giorno l’infezione. Quando si ha a che fare con infezioni orali, generalmente le terapie consistono nell’uso di specifici sciroppi e gel orali.

Si può poi prevenire la sua comparsa, adottando dei piccoli accorgimenti:

  • l’utilizzo di un detergente intimo non profumato e a ph neutro come Saugella o Euphidra;
  • evitare di indossare sempre indumenti troppo stretti come jeans e collant;
  • favorendo l’uso di biancheria intima di cotone che non impedisce la circolazione dell’aria e non cattura l’umidità.

Per quanto la candida sia un problema fastidioso e molto delicato in quanto colpisce soprattutto le zone genitali, non ti preoccupare se ti ritrovi a doverla fronteggiare: si debella facilmente!