Ruxolitinib: la pillola anti calvizie

“L’uomo pelato è sexy”. Ti sei scocciato di sentirti ripetere da tua moglie questa frase e di vedere sguardi compassionevoli sulla tua pelata? Si sa, non sempre gli uomini accettano la caduta dei capelli e la propria immagine davanti allo specchio. E, anche se capita più raramente, anche noi donne non saremmo felici di dover rinunciare ai capelli lunghi o di essere costrette ad indossare una parrucca.

Ma da oggi c’è una novità! Si chiama Ruxolitinib ed è un nuovo farmaco approvato dall’ordine regolatore statunitense FDA. Uno studio pilota su alcuni pazienti ha dato risultati molto soddisfacenti: nel giro di 4/5 mesi i pazienti trattati avevano di nuovo una folta chioma.

I pazienti sui quali è stato testato il farmaco sono affetti da una malattia specifica che è l’alopecia areata, responsabile di un diradamento dei capelli a chiazze. Questa malattia colpisce uomini e donne di ogni età, indistintamente, e ha origini immunitarie.

Alopecia areata sulla barba Alopecia areata sui capelli

In parole semplici, chi soffre di questo disturbo ha una serie di cellule T responsabili dell’indebolimento dei follicoli piliferi, con progressivo stop alla produzione di peli e capelli.

Il ruxolitinib attacca queste cellule T, distruggendole e permettendo alle altre cellule di ricominciare con la produzione di peli e capelli. I test ora proseguono e, se il farmaco sarà ben tollerato da un buon numero di pazienti, si potrà dire che esiste finalmente una cura per la “fronte alta”! :)