L’importanza degli screening

In campo oncologico gli screening possono essere utili per l’individuazione precoce di un tumore o di loro precursori, quando non si sono ancora manifestati. Questa pratica rientra nella cosiddetta prevenzione secondaria, volta a scovare la malattia quando è più facilmente curabile. In fase iniziale infatti un tumore è in genere circoscritto e asintomatico, può essere dunque affrontato con maggiore efficacia e minori effetti collaterali con una buona probabilità di cura.
1. Quale differenza tra screening e accertamenti medici? Un esame di screening è diverso da un accertamento prescritto dal medico per identificare la natura di un disturbo: lo screening ha lo scopo di escludere una malattia, mentre gli accertamenti clinici comprendono un insieme di esami al fine di capire la natura di un disturbo. Lo screening inoltre deve poter cambiare il decorso della malattia, altrimenti sarebbe solo una diagnosi anticipata: non ha senso fornire alla persona la consapevolezza di essere affetta da una patologia se non sono disponibili trattamenti in grado di curarla o rallentarne il decorso in maniera significativa. 2. E tra screening e prevenzione spontanea? Sottoporsi a un esame di controllo è diverso dall’aderire a uno screening. La maggior parte degli esami condotti nell’ambito di uno screening oncologico dà esito negativo poiché le persone che vi si sottopongono sono per lo più sane. Fare spesso esami diagnostici aumenta le probabilità di individuare una malattia in fase precoce, ma il numero elevato di esami moltiplica i rischi che derivano da essi. L’obiettivo degli screening è aumentare al massimo le probabilità di individuare la malattia riducendo quanto più possibile i rischi derivanti dall’attività diagnostica.

 

Un pensiero su “L’importanza degli screening

  1. Zizziri Arezzo / Salve,Ho letto i suoi post, sono molto interessanti.Volevo clhideree una valutazione sul prodotto High Power Sydney 3000 e un commento sulla ditta High Power.Premetto che sono alto 1.80, intendo fare un allenamento massimo di 30-60min a 11km/h circa, 2/3 volte a settimana e in pif9 verre0 utilizzato da mia madre e mia sorella per camminate ad andatura sostenuta.Inoltre quanto durano mediamente gli elastometri e quanto costa sostituirli?La ringrazio anticipatamente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *